Gruppo Atlantide

Category Archives: Comunicazione

Torna il Festival dell’Outsider Art e dell’Arte Irregolare

Senza titolo-2

volantino A5-arte-irregolare-2018-1

5, 6 e 7 ottobre 2018
La terza edizione del Festival dell’Outsider Art e dell’Arte Irregolare
presso la Libera Università di Alcatraz, S. Cristina, Gubbio (PG)

Mostra di 100 opere grafiche o pittoriche di diversi atelier e collettivi artistici italiani.
• a cura di Nuovo Comitato il Nobel per i Disabili Onlus

Selezione di disegni di un outsider d’eccezione, Dario Fo.
• in collaborazione con MusAlab – Museo Archivio Laboratorio Franca Rame e Dario Fo

Convegno “Prendersi cura dell’arte. Prendersi cura di sé”.
• a cura del Dipartimento di Salute Mentale dell’Ausl di Bologna.
Interverranno tra gli altri Giorgio Bedoni, psichiatra e docente all’Accademia di Brera, Daniela Rosi docente e curatrice di numerose mostre di arte outsider e irregolare.

Performance collettive, video rassegna, workshop elaboratori artistici.
• con la partecipazione dello street artist Marco Barbieri – DEM a cura dell’Associazione Fuori Serie.

per info: cinzia@comitatonobeldisabili.itgabriella@comitatonobeldisabili.it
Gabriella tel. 075 9229776 – per prenotazioni: 075 9229938/39

Visitate la gallery: arteirregolare.comitatonobeldisabili.it
Richiesti crediti ECM.

Dal 29 maggio 2018 è online gelaleradicidelfuturo.it

Senza titolo-1

unnamed

Dal 29 maggio è online il sito www.gelaleradicidelfuturo.it, nato dall’omonimo progetto realizzato da Jacopo Fo srl (Gruppo Atlantide) con il sostegno di Eni e il patrocinio del Comune di Gela.

Presso l’ex chiesa di San Giovanni è stata presentata a media e associazioni la versione “beta” del sito. L’iniziativa è stata illustrata dal Gruppo di Animazione Territoriale di Gela assieme ai coordinatori del Progetto, Jacopo Fo e Bruno Patierno. Sono intervenuti anche il Sindaco Domenico Messinese e la Presidente del Consiglio Comunale Alessandra Ascia.

Il sito, in italiano e in inglese, costituisce una novità nel panorama gelese e non solo, segnalando in modo coinvolgente ed emozionante la bellezze della città, i suoi eventi, le occasioni di svago, gli itinerari… presentando così Gela nella sua veste migliore al grande pubblico nazionale e internazionale con lo scopo di attrarre turisti e investimenti verso la città.

Nel corso della presentazione è stato sottolineato in tutti gli interventi che il successo dell’iniziativa sarà legato anche alla partecipazione allo sviluppo dei contenuti da parte di Enti, Associazioni, Scuole, cittadini. A tale scopo è stata messa a disposizione sin da subito una email a cui inviare segnalazioni di eventi ed iniziative: info@gelaleradicidelfuturo.it

Cattura

Tre leggi in un Manifesto

p4p-gruppo-atlantide2
Tre leggi in un Manifesto: la sfida del nuovo magazine
di Jacopo Fo e Bruno Patierno
Parte la campagna di “People For Planet”, il giornale online dal 29 gennaio

 

“Nel momento in cui tutti propongono di abolire leggi, noi andiamo in controtendenza e ne proponiamo addirittura tre”. Con una battuta Jacopo Fo lancia la sfida contenuta nel Manifesto di People For Planet,  il nuovo magazine online dal 29 gennaio, di cui è direttore creativo e ideatore insieme a Bruno Patierno.

Il giornale digitale vuole essere da subito una forza costruttiva e lancia tre campagne a tutela di consumatori, salute dei cittadini e ambiente. Continua Fo: “Sono tre proposte di buonsenso, che vorremmo diventassero tre leggi e che costituiscono quello che abbiamo definito il Manifesto di People For Planet. In tanti ci stanno già sostenendo: Carlo Petrini, fondatore di Slow Food; giornalisti come Gad Lerner, Peter Gomez, Marco Travaglio; scrittori come Dacia Maraini; attori come Neri Marcorè e Paolo Rossi; scienziati come il fisico Valerio Rossi Albertini del Cnr, e poi docenti universitari, musicisti, registi professionisti di molti settori… E dal 29 gennaio potranno firmarlo tutti sul sito www.peopleforplanet.it”.

Le proposte di People For Planet riguardano l’istituzione di un controllo preventivo dei contratti standard rivolti al pubblico, per scoprire in anticipo clausole insidiose per i consumatori; l’adozione, anche in Italia, della distribuzione di farmaci sfusi, per evitare sprechi e il rendere obbligatorio il montaggio, sulle lavatrici, di un filtro anti microfibre, per ridurre l’inquinamento delle acque.

Il webmagazine “People For Planet”:

People For Planet sarà on line dal 29 gennaio. Il giornale digitale, promosso dal Gruppo Atlantide, è rivolto ai cittadini interessati ai temi dell’ambiente, della sostenibilità e della solidarietà. “Sarà una piattaforma di condivisione e discussione” – spiega Jacopo Fo –  “un luogo in cui possano incontrarsi, confrontarsi e trovare sostegno gli individui che stanno costruendo il pianeta di domani”.

Un magazine che sarà collettore di buone notizie, con sezioni dedicate al benessere e alla salute, all’arte e alla cultura, al viaggio e alla tecnologia, ricco di articoli e contributi video realizzati da collaboratori sparsi in tutta Italia. Continua Fo: “Siamo solo ottimisti e curiosi. In questo momento molto delicato dell’evoluzione umana abbiamo visto la possibilità di creare qualcosa di nuovo e di utile. La rivoluzione digitale è appena iniziata e contemporaneamente il movimento solidale sta fiorendo in tutto il mondo. Una sorprendente moltitudine che si dedica alla solidarietà e all’arte e che ha capito che la tecnologia buona è un possente strumento per generare il cambiamento. Noi vogliamo contribuire a dar voce a questa moltitudine”.

Il lancio:

L’appuntamento per la presentazione di People For Planet è lunedì 29 gennaio alle ore 11.00, a Napoli, nella sala Compagna di Castel dell’Ovo. Alla conferenza stampa, organizzata in collaborazione con il Comune della città partenopea, parteciperà anche il Sindaco Luigi De Magistris, insieme agli ideatori del progetto Jacopo Fo e Bruno Patierno.

Dal 29 gennaio, People For Planet: www.peopleforplanet.it

Qualche anticipazione è già sui social:

Facebook> @peoplexplanet
Twitter > @peoplexplanet
Linkedin > People For Planet
Instagram > people_for_planet

Chi siamo: Il Gruppo Atlantide, promotore di People For Planet, coordinato da Jacopo Fo e Bruno Patierno, è una rete di organizzazioni e professionisti che collaborano con imprese ed enti in iniziative a favore della società e dell’ambiente.

Ufficio Stampa People For Planet:
Margherita Aina, Erika Scafuro
press@peopleforplanet.it – tel. 3204042404

JACOPO FO

Scrittore, teatrante, regista, disegnatore, è stato tra i fondatori del settimanale satirico “Il Male”. Nel 1982 crea la Libera Università di Alcatraz, un centro culturale che è anche un agriturismo, un ristorante biologico, autoproduce energia elettrica da fonti rinnovabili, produce acqua calda dal sole e ha anche un orto sinergico. La Libera Università di Alcatraz è stata per 35 anni anche un punto di incontro, di scambio e di discussione, la lista della novità che ha contribuito a far arrivare al successo è lunga: commercio etico, parto dolce, informazione sessuale, comicoterapia negli ospedali, “Cacao” il quotidiano delle buone notizie, gruppi di acquisto, biodiesel, riduttori del flusso dell’acqua dei rubinetti, lampadine a led. Oggi coordina insieme a Bruno Patierno il Gruppo Atlantide, una rete di società e individui impegnati nel sostegno a iniziative eco e socio compatibili. www.jacopofo.com

BRUNO PATIERNO

Nato a Castellammare di Stabia (Napoli). Dopo la Laurea in Giurisprudenza vince una borsa di studio per un MBA presso l’ISIDA di Palermo.
Prima docente e coordinatore di corsi di marketing del Formez, poi Direttore Centrale del Gruppo Databank, ha fondato e diretto diverse società di consulenza direzionale. Docente e autore di strumenti per la didattica per OECD, AISM, ISIDA, Confindustria, ICE, Formez, SOGEA, Università Federico II… Affianca alla consulenza per grandi imprese e enti la progettazione e il coordinamento di modelli di project design e la progettazione e il coordinamento di progetti di tutorship per le start-up e di divulgazione delle best practice per gli aspiranti imprenditori. In questo ambito ha coordinato e realizzato progetti per il MIUR, il Ministero della Difesa, RCS – Corriere della Sera, Regione Lombardia, Sviluppo Italia.
Oggi coordina insieme a Jacopo Fo il Gruppo Atlantide, una rete di società e individui impegnati nel sostegno a iniziative eco e socio compatibili. www.brunopatierno.com.

REDAZIONE PEOPLE FOR PLANET

Direttore Creativo: Jacopo Fo
Project Manager: Bruno Patierno
Direttore Responsabile: Sergio Ferraris
Direttore Editoriale: Sergio Parini
Direttore Video: Iacopo Patierno
Redazione: Simone Canova, Gabriella Canova, Maria Cristina Dalbosco
Consulente Editoriale: Mario Carfagna
Digital picture editing: Armando Tondo

 

Wiwanana premiato al Perugia Social Film Festival 2017

iacopo-353x140

slider-sito_small (1)Wiwanana, il film tratto dall’esperienza de “Il Teatro Fa Bene“, ha ricevuto il primo premio al Perugia Social Film Festival. La giuria, composta da rifugiati politici e richiedenti asilo provenienti da diverse parti del pianeta, lo ha scelto tra i film in concorso per la sezione “Umbria in celluloide” (miglior documentario di un cineasta umbro o ambientato in Umbria). Sotto alcune foto con il regista del film Iacopo Patierno che ritira il Premio.

Altre tappe di Wiwanana in Mozambico:
20 ottobre 2017, su invito dell’Ambasciata Italiana in Mozambico, Wiwanana è stato proiettato a Maputo, ospite d’onore nel corso della rassegna organizzata dall’Ambasciata “L’italiano al cinema, l’italiano nel cinema”.
Il 21 ottobre, ancora a Maputo, Wiwanana è stato al centro dell’ultima serata di Instidoc, la rassegna del Documentario Istituzionale organizzata per il quarto anno dal Centro Culturale Franco-Mozambicano.

Grande il successo del film testimonianza del lavoro comune del Gruppo Atlantide assieme a Eni Foundation e Medici con l’Africa CUAMM che aveva già ricevuto il riconoscimento di Opera di Interesse Culturale dal MIBACT e la Menzione Speciale dalla Giuria del Festival del Cinema Africa Asia America Latina.

WhatsApp Image 2017-10-01 at 23.15.30 WhatsApp Image 2017-10-01 at 21.49.20 WhatsApp Image 2017-10-01 at 19.21.18 WhatsApp Image 2017-10-01 at 19.21.17 WhatsApp Image 2017-10-01 at 19.21.16

La strategia di comunicazione di “Il Teatro Fa Bene”

tfb-rome-web-awards

locandina-webserie-italiano-loghi-festival-2017
Il progetto “Il Teatro Fa Bene” si è proposto sin dal suo avvio di raggiungere il pubblico più vasto possibile per far conoscere l’iniziativa nei suoi significati pratici e simbolici e stimolare la nascita di altre iniziative analoghe.
Ad oggi, in Italia, il progetto ha raggiunto una audience stimata in oltre 7.000.000 di persone.
Per raggiungere questo risultato abbiamo adottato, con il sostegno di Eni Foundation e la collaborazione di Medici con l’Africa Cuamm, una strategia di comunicazione multicanale che utilizza:
– il sito multilingue Il Teatro Fa Bene. Supportato anche da un sistema di social network, rappresenta l’Hub del sistema e contiene tutte le informazioni sul progetto;
un ebook scaricabile gratuitamente che racconta la storia dell’iniziativa attraverso moltissime immagini e le testimonianze dei protagonisti;
la web serie in 12 puntate “Il Teatro Fa Bene” che è anche nelle pagine web de La Lettura del Corriere.it e gira per il mondo, ospite dei festival. Ha avuto il premio come miglior web serie “non fiction” a Miami, Hollywood e, ultimo premio in ordine di tempo, a Roma (Rome Web Awards 2017)
– un film, Wiwanana, per la regia (come anche la web serie) di Iacopo Patierno, che ha ricevuto il riconoscimento di “film di interesse culturale” dal MIBACT, la Menzione Speciale della Giuria del Festival del Cinema Africa, Asia, America Latina ed ora inizia il suo giro di diffusione in altri Festival.

Nell’insieme un impegno notevole che ha coinvolto tutte le migliori risorse del Gruppo Atlantide coordinate da Jacopo Fo e da Bruno Patierno assieme ad un fantastico team di attori amatoriali del Mozambico per una iniziativa che, come dice la motivazione del Premio del Festival del Cinema Africa, Asia, America Latina: “Attraverso il percorso di crescita personale ed espressiva degli attori mozambicani coinvolti nel progetto teatrale, abbatte ogni barriera tra i protagonisti e lo spettatore che li guarda e che si immedesima senza riserve. Come per incanto cade la necessità di ricorrere a un “noi” e a un “loro”, e quindi il concetto stesso di barriera culturale.