Si è svolta online sabato 28 novembre la cerimonia di premiazione della I edizione del concorso video “La vita quotidiana nel cuore della Basilicata”, il contest di cortometraggi organizzato dal Gruppo Atlantide con il supporto del Gruppo di Animazione Territoriale (GAT) nell’ambito del progetto CuoreBasilicata.

La premiazione, i video dei vincitori e di quanti hanno ricevuto la menzione speciale sono visibili su www.cuorebasilicata.it

La sfida lanciata ai video maker, creativi, esperti digitali, professionisti e non, senza limiti di età, residenti o nati negli 11 comuni del progetto “CuoreBasilicata” è stata quella di produrre brevi video (massimo 15 secondi) con l’obiettivo di promuovere luoghi, tradizioni e abitudini del territorio attraverso lo sguardo di chi ci vive. Moltissimi i video valutati dalla giuria di esperti. Un risultato straordinario come dimostrano i numeri e soprattutto la qualità e la professionalità dei lavori presentati. La giuria ha avuto un compito difficile ma è riuscita a definire i tre migliori contenuti.
Primo classificato, il documentarista Gianluca D’Elia che si è aggiudicato il premio di 500 euro. Il suo lavoro, una sorta di omaggio al cinema, in particolar modo al film “Vacanze Romane” degli anni ’50, utilizza come set “uno dei più belli – ha raccontato nel corso della cerimonia di premiazione – la Basilicata e nello specifico la Val d’Agri”. “La luce e i paesaggi della Val d’Agri te li porti dentro – ha commentato – e sono fonte di ispirazione di qualsiasi lavoro che io produco”.
Secondo posto al giovane aspirante regista cinematografico, Michele Cantisani, a cui è stato assegnato il premio di 300 euro. Il suo video è uno spot promozionale turistico non convenzionale, focalizzato sulla quotidianità, le sensazioni e i ricordi dei luoghi. “Raccontare non tanto il prodotto tipico del posto – ha riferito Cantisani – come può essere la pasta di casa ma narrare la saggezza e la tradizione che abbiamo, in realtà, anche riscoperte con il lockdown”.
Terza classificata la talentuosa danzatrice Francesca Di Biase insieme al musicista Rocco Prudente che si sono guadagnati il premio di 100 euro. Il video prodotto tra immagini, danza e rappresentazioni di emozioni, si basa sul concetto di “abitare” non come luogo fisico ma come proiezione della propria persona. Filo conduttore prescelto la forma d’arte della danza collegata alla ruralità del Faggeto di Moliterno e la cultura e la storia del Castello. “Ho scelto – ha evidenziato la Di Biase – due luoghi abbastanza significativi per la storia del paese che sono il faggeto e il castello di Moliterno. Da una parte c’è un aspetto più introspettivo e sensoriale e dall’altra parte c’è la potenza e il dominio sui luoghi che ha il castello ”.

Tutte opere di qualità che hanno centrato in pieno gli obiettivi del contest.
Inoltre menzioni speciali a Federica Albicocco, Maria Grazia Briamonte, Giacinto Briamonte, Giuseppe Briamonte, Miguel Solimando Liuzzi, Mario Morlino, Vito Siniscalchi, Luigi Tassone e Salvatore Tempone per aver realizzato brevi filmati in grado di valorizzare le innumerevoli bellezze artistiche, culturali e ambientali del territorio lucano.
A condurre la premiazione lo scrittore Jacopo Fo, il quale è stato anche membro della giuria selezionatrice, insieme a Claudia Faverio, curatrice dell’iniziativa e responsabile operativa del progetto CuoreBasilicata, a Bruno Patierno e a Iacopo Patierno.
“Questa premiazione – ha aggiunto Jacopo Fo nel corso della cerimonia – fa parte dell’impegno che abbiamo assunto di rilanciare l’immagine di questo territorio e promuovere il suo patrimonio storico culturale e naturalistico, in Italia e all’estero”. “Il concorso- ha aggiunto Fo – rientra in una serie di iniziative messe in campo negli 11 comuni: dalla creazione dei blog nelle scuole ad una serie di corsi per aiutare le attività produttive di artigiani, agricoltori… a raccontare e commercializzare i propri prodotti”.